Spedizione gratis + omaggio

Email: *
First Name: *

La Nascita di Niko, Meraviglioso Cucciolo e la Storia di Rugo il Tartarugo Racconti del Parto #7


Non sentivo Elena dai giorni del parto, domenica finalmente è arrivata una sua mail.
Con mia grande sorpresa ha allegato anche uno scritto perché possa pubblicarlo nel blog e condividerlo con tutti voi.
Elena racconta la sua esperienza, quello che scrive è per me meraviglioso e commovente, la ringrazio qui pubblicamente.

Lo scritto di Elena

Mi chiamo Elena Fioravanti, da due mesi mamma di Niko :-)

Durante gli ultimi mesi di gravidanza ho deciso di cercare il “Cuscino d’Allattamento”, qualcosa di cui avevo tanto sentito parlare e da cui ero molto incuriosita.
Alla prima ricerca su google, viene fuori un annuncio di eco-artigianato: un cuscino d’allattamento ripieno di pula di farro, rivestito di fodera in cotone, con federa, sempre in cotone, lavabile e intercambiabile e tutto made in Italy.
Per curiosità, visitando altri siti e negozi di articoli per neonati, scopro che l’articolo di eco-artigianato viene un terzo del prezzo di quello proposto altrove e che nessuno di questi altri cuscini d’allattamento mi offre una qualità di materiali altrettanto buona e naturale.

Capisco, sembra una pubblicità!!!!!

In realtà ho deciso di scrivere e pubblicare quello che state leggendo in quanto credo che eco-artigianato e Silvia Bertolucci, la fondatrice, creatrice e artigiana, meritino un grande GRAZIE e uno speciale riconoscimento per il lavoro che svolgono.


ECCO LA MIA ESPERIENZA

Ho ricevuto il cuscino direttamente a casa in breve tempo, dopo aver contattato eco-artigianato, parlando direttamente con la Signora Silvia e scegliendo con lei colori e modelli.
Ho trovato accoglienza e grande disponibilità, ma soprattutto un’altra donna e mamma.
A parte le meravigliose proprietà della pula di farro (rispetto alle imbottiture sintetiche proposte da altre case fra le più famose nel mondo neo-natale), anallergica, anti acaro, ricca sostanze che fanno bene ad unghie, ossa e capelli e che si rigenera in poco tempo in freezer e/o esposta ai raggi del sole, il cuscino che ho ricevuto e diventato per me come la copertina di Linus!!

Uno strumento essenziale

Meraviglioso per la mia schiena e il mio bacino, aiutandomi a riposare meglio, prima della nascita del bambino.
Arrivato Niko, ha svolto la sua funzione di comodo cuscino d’allattamento, ma è diventato anche il luogo dove Niko tutt’ora dorme, avvolto e contenuto. Abbracciato e sostenuto.
I primi giorni in cui dormiva nel lettone fra noi, anche protetto dai movimenti nel sonno di mamma e papà!
L’imbottitura in pula di farro, infatti, rende il cuscino adattabile a varie forme ed esigenze, al contrario dei rigidi cuscini commerciali, ed ha un peso maggiore che rende più stabile la postazione intorno ai piccoli.
Inoltre, il mio compagno ed io, abbiamo deciso, con l’aiuto di un’ostetrica, di partorire in casa, per cui abbiamo fatto un’attenzione speciale all’igiene dello spazio e delle cose intorno a noi.
Ho lavato in lavatrice a 90°, per sterilizzarli, diversi tessuti, come rivestimenti del divano, lenzuola, asciugamani e capi d’abbigliamento e ho infilato nel cestello anche le due federe che avevo ordinato alla Signora Silvia, una verde e una viola.
Non solo non hanno rilasciato il colore sul resto del bucato, ma non si sono ritirate di un centimetro!!

Insomma Silvia, grazie ancora per i tuoi prodotti, il tuo ascolto e i tuoi suggerimenti di mamma. Spero che tante altre persone abbiano la fortuna e l’opportunità di conoscere te e il tuo eccezionale lavoro.
Un abbraccio speciale. (Elena)


Che dire? Una lettera veramente speciale, ma cosa centra Rugo il tartarugo?

Avevo spedito a Elena anche un omaggio, una tartarughina scaldasonno, soprannominato fin dall'inizio, Rugo il tartarugo, misteriosamente scomparso subito dopo il parto.
Voglio rassicurare mamma Elena, Rugo piano, piano sta tornado, si sa, le tartarughe sono lente, anche quelle in pula di farro.

Il blog è aperto alle vostre esperienze e storie, sono felice di pubblicarle, perché credo che la condivisione sia un modo per crescere e migliorarsi.